Skip to content

monasterocarpineto

Home Amici del Carmelo Don Goffredo (1916-2010)
Don Goffredo (1916-2010) PDF Stampa E-mail
L’UOMO, IL PASTORE E SACERDOTE… DON GOFFREDO

Note Biografiche su Don Goffredo Gavillucci (11/11/1916-09/11/2010)
Don Goffredo Gavillucci nasce a carpineto Romano l’11 novembre 1916, da Gavillucci Tito e Nardi Adelaide.

E’ stato alunno del Seminario Vescovile di Anagni, per cinque anni, nella sua adolescenza, precisamente dal 1928 al 1933.
E’ stato avviato in quegli anni alla via del sacerdozio da tre Rettori prestigiosi e colti: Mons. Alfonso David, Mons. Vincenzo Fenicchia e Mons. Giovanni Salina.
Dopo il corso ginnasiale ha continuato felicemente gli studi di filosofia e teologia al Pontificio Collegio Leonino di Anagni (1934-1940), fino al sacerdozio.

Fu ordinato sacerdote , nella Chiesa collegiata di Carpineto Romano, il 23 giugno 1940 dal Vescovo di Anagni, Mons. Attilio Adinolfi; ha celebrato la prima messa, il giorno successivo, 24 giugno 1940.

Si è trovato, all’inizio del suo ministero pastorale, a dover affrontare i giorni difficili della guerra, aiutava le famiglie come poteva, chiedendo notizie dei loro cari al fronte, tramite l’ufficio del Vaticano. Il 21 maggio 1943 gli alleato mandarono i loro aerei in picchiata bombardando via Costa; Don Goffredo vide frantumarsi i vetri della Collegiata, fuggire i fedeli e le schegge che colpiscono anche l’interno della Chiesa. Se il grappolo delle bombe fosse stato sganciato un attimo prima, sarebbero morte molte persone che erano in chiesa per la messa delle 11:30: era infatti giornata festiva.

Parroco della Chiesa Collegiata del Sacro Cuore, dal 1940 al 2003, ininterrottamente per 63 anni, certamente un record.

Fin dall’inizio ha curato le attività dell’Azione Cattolica, uno dei fiori più belli della sua azione pastorale.

L’ 11 settembre 1966 accoglie nella Chiesa Collegiata il Santo Padre Paolo VI, in visita a Carpineto Romano per il 75° della Rerum Novarum.

Nel 1970 si pose la prima pietra della nuova Casa Parrocchiale, in via Giacomo Matteotti, n° 79 e nel 1972 il Vescovo, Mons. Compagnone, inaugurò la nuova costruzione.

Nel 1975 diede inizio alle attività del primo Consultorio Familiare di ispirazione cristiana della Diocesi di Anagni-Alatri.

Il 22 aprile 1979, con l’impegno fattivo di Don Goffredo, nasceva a Carpineto Romano il Carmelo S. Anna, ancora oggi attivo.

Il 28 novembre 1987 fu inaugurata, sempre dal Vescovo Mons. Compagnone, la grande sala per le attività artistico-culturali “Redemptoris Mater”, fortemente voluta da Don Goffredo.

Il 1° settembre 1991 accoglie il Sommo Pontefice Giovanni Paolo II in visita a Carpineto Romano in occasione del centenario della Rerum Novarum.

Altro record di Don Goffredo: il 23 giugno 2010 celebra, accompagnato da tutta la comunità Parrocchiale, alla presenza del Vescovo Mons. Lorenzo Loppa e di numerosi sacerdoti, il suo 70° anniversario di sacerdozio.

Il 5 settembre 2010, a quasi 94 anni, è presente alla celebrazione eucaristica presieduta dal Santo Padre Benedetto XVI,  in visita apostolica a Carpineto Romano per il bicentenario della nascita di Leone XIII.

Durante gli anni del ministero sacerdotale di Don Goffredo sono germogliate numerose vocazioni sacerdotali e religiose, mosse dal suo continuo esempio.

Don Goffredo muore il 9 novembre 2010 alle ore 10,10 nella sua casa di Carpineto Romano in Via G.Matteotti,79.
----------

Ricordino del 50° di Sacerdozio, 24 giugno 1990

“Tu sei sacerdote in eterno….”

Signore mio e Dio mio
Ti ringrazio per il grande dono del Sacerdozio
E per le anime che mi hai affidato.
Hai avuto fiducia in me….Grazie!
Come tu mi hai insegnato,
ho chiamato, sempre, le anime
una per una
e le ho chiamate per nome!
Spero che, per la tua Grazia,
nessuna sia rimasta fuori!

Don Goffredo Gavillucci
    Parroco da 50 anni
    …. In ricordo.

***
Ricordo di don Goffredo


Il Carmelo, con profonda riconoscenza, innalza al Padre un inno di lode per la tua vita.
Tutti ti ricordano! Non solo il Carmelo di Carpineto e per i Carmeli nati da Carpineto: Cerreto, Sutri, Biella, ma i carpinetani, i tanti vicini e lontani…

Il Carmelo, però, è la tua corona!
Avevi a cuore di far conoscere Gesù: e l’hai fatto...per tutta la vita.
Hai dato ai giovani il meglio di te, senza risparmio di tempo e di fatica.
Hai sostenuto famiglie, anziani e bambini…

Hai conservato la fede.
Hai combattuto la buona battaglia.
Il Signore Dio ti darà la ricompensa: una corona di gloria!
Volevi una “casa di preghiera”.
L’hai ottenuta dal santo Vescovo Mons. Umberto Florenzani.
Una perla in più per il tuo sacerdozio.

Dal cielo benedici il Carmelo tutto, i carpinetani, i tanti che ti hanno voluto bene…noi ancora pellegrini quaggiù, in attesa di rivederci in cielo, dove siamo certi il Signore ti ha accolto nella gloria.

Il Carmelo di Carpineto