Skip to content

monasterocarpineto

Home Leone XIII (1810-2010) Madre del Buon Consiglio
Madre del Buon consiglio PDF Stampa E-mail
Maria, Madre del Buon Consiglio

È questo un antico modo di invocare Maria che fu inserito nelle Litanie lauretane con il decreto Ex quo Beatissima Virgo il 22 aprile 1903 su volontà di Leone XIII
che era nato a Carpineto Romano vicino al Santuario di Genazzano dove si venera Maria con tale nome.
Come viene proclamato nella prima lettura della notte di Natale:
«Un bambino è nato per noi, ci è stato dato un figlio. Sulle sue spalle è il potere e il suo nome sarà: Consigliere mirabile, Dio potente, Padre per sempre, Principe della pace» (Is 5,6).
Maria, da parte sua, come ci ricorda l'episodio delle nozze di Cana, ci consiglia di ascoltarlo e di seguirlo:
«Qualsiasi cosa vi dica, fatela» (Gv 2,5). È una delle poche parole di Maria che il vangelo di Giovanni ci riporta.
È un ammonimento a seguire il Figlio suo.
Così ci fa pregare l'orazione colletta della Messa a Maria, Madre del buon consiglio:
«Signore, tu sai quanto timidi e incerti sono i pensieri dei mortali; per intercessione di Maria, madre del buon consiglio,
nel cui grembo verginale il Verbo si è fatto uomo,
concedi a noi il tuo Spirito, perché ci faccia conoscere ciò che piace a te e ci guidi nei travagli della vita».

Il decreto in latino dice così:

 "Ex quo Beatissima Virgo Maria Spiritus Sancti gratia plena eiusque luminis splendore illustrata,
aeternum Dei consilium atque incarnati Verbi mysterium omni mentis et cordis obsequio atque affectu suscepit.
Dei genitrix effecta, etiam Mater boni consilii meruit appellati.
Insuper divinae sapientiae eloquiis instructa, ca vitae verba, quae a Filio suo acceperat
et in corde servaverat, in proximos liberaliter effundebat.
Neque solum in nuptiis Canae Galileae huius novae Rebeccae consiliis acquievere ministri;
sed et pias mulieres aliosque Domini discipulos atque ispos sanctos Apostolos eam audisse consiliatricem credere
fas est.
Quam praerogativam Deiparae Virgini agnitam et confirmatam matrem ed discipulum stantem, quem diligebat,
dixit matri suae: Mulier, ecce filius tuus.Deinde dixit discipulo: Ecce mater tua.
Et ex illa hora accepit ean discipulus in sua.
Ioannem autem omnes Christifideles tunc repraesentasse ab Ecclesiae Patribus traditum est.
Item, approbante Apostolica Sede, ab antiquis temporibus tum a clero tum a populo christiano,
opem simul implorante, ispa Beatissima Virgo a glorioso titulo Mater boni consilii consalutata est.
Sanctissimus vero Dominus nostre Leo Papa XIII ob suam et Fidelium singularem pietatem erga Matrem boni consilii
sacramque eius Imaginem quae in Sanctuario Genestani praecipuo colitur, postquam per decreta Sacrorum Rituum Congregationis
anno 1884 novum Officium cum Missa pro die Festo approbaverit, et anno 1893 etiam scapulare proprium cum
indulgentiis cencesserit;
hoc vertente anno 1903  ipsum sanctuarium, antea novis aedibus hospitalibus suo aere ampliatum,
ad basilicae Minoris gradum et dignitatem cum omnibus iuribus et privilegiis,
per Apostolicas Litteras in forma Brevis, everit.
Tandem idem Sanctissimus Dominus noster, quo ipsimet Beatae Mariae Virgini eununciaus titulus maiori
honore et cultu augeatur,
ex Sacrorum Rituum congregationis consulto, infrascripto Cardinali Praefecto et Relatore, statuit ed
decretavit ut Litaniis Laurentanis post praeconium: Mater Admirabilis, adiiciatur alterum:
Mater boni consilii, ora pro nobis;
hac quoque congitatione et firma spe permotus, ut, in tot tantiscque calamitatibus et tenebris,
pia Mater quae a sanctis Patribus caelestium gratiarum thesauraria et consiliatrix universalis vocatur,
per totum catholicum orbem sub eo titulo rogata, omnibus monstret se esse matrem boni consilii,
et illam Spiritus Sancti gratiam, quae sensus et corda illuminat,
seu sanctum consilii donum sit impetratura.
Contrariis non bostantibus quibuscunque die 22 aprilis 1903.
Seraphinus card. Cretoni, s.r.c. Praefectus.