Skip to content

monasterocarpineto

Home
Mese aprile PDF Stampa E-mail
                                                                                                                                                                                                    
Il mese di aprile inizia con una parte di quaresima e poi domenica delle Palme, settimana santa, Pasqua e ottava.

L'intenzione Generale per l'Apostolato della Preghiera del Santo Padre per il mese di aprile è la seguente:
- Per i giovani perchè sappiano rispondere con generosità alla propria vocazione, considerando seriamente anche la possibilità di consacrarsi al Signore
nel sacerdozio o nella vita consacrata.

L'intenzione dei Vescovi:
- Perchè la celebrazione dei sacramenti apra all'incontro tra la nostra piccolezza e la misericordia di Dio.

Il mese di aprile, dunque, è caratterizzato dal passaggio dalla Quaresima -la Settimana Santa- al tempo Pasquale.
La liturgia quindi passa dall'annunzio della passione, morte e risurrezione di Cristo,
alla gioia del tempo pasquale con la liturgia che ci fa rivivere tutti gli eventi e i segni legati alla Risurrezione di Cristo.

In questo mese le memorie e feste sono poche:
- il 25 aprile: san Marco evangelista, festa
- il 23 aprile: domenica della Misericordia, domenica in albis.
- il 29 aprile: santa Caterina da Siena, patrona d'Italia, festa.

Con il tempo pasquale la liturgia -che ci accompagna fino alla domenica di Pentecoste, quindi sette settimane- ci fa vivere come un'unica grande domenica,
in cui si rinnova la nostra fede al Signore, la nostra speranza e la nostra carità.
In questo periodo, per evidenziare la nostra gioia, si canta continuamente l'alleluia.
Il colore liturgico è il bianco, colore della festa, della gioia, della risurrezione del Signore.

Alla vittima pasquale, s’innalzi oggi il sacrificio della lode.
L’Agnello ha redento il suo gregge: Cristo l’innocente,
ha riconciliato i peccatori con il Padre.
Morte e Vita si sono affrontate in un prodigioso duello.
Il Signore della vita era morto: ora, vivo, trionfa.
“Raccontaci, Maria: che hai visto sulla via?”.
“La tomba di Cristo vivente, la gloria del Cristo risorto,
gli angeli, suoi testimoni, il sudario e le sue vesti.
Cristo, mia speranza, è risorto! Vi precede in Galilea”.
Sì, ne siamo certi: Cristo davvero è risorto dai morti.
Tu, re vittorioso, abbi pietà di noi!