Skip to content

monasterocarpineto

Home Madre Elvira Scio cui crediti
Scio cui crediti PDF Stampa E-mail
SCIO CUI CREDITI
Madre Maria Elvira del SS.mo Sacramento (1929-2012)

Presentazione
Non una biografia, non ancora una agiografia in senso stretto, ma frammenti  di luci  che si riverberano su questa nostra terra “ atomo opaco del male.”
Sicuramente una antologia, nel senso antico di florilegio, in onore di madre Maria Elvira del SS. Sacramento, pur senza quegli approfondimenti biografici sull’infanzia segnina, sui suoi studi universitari, sulle prima chiamata tra le religiose del Santissimo Sacramento fino al primo approdo verso la vita contemplativa del monte Carmelo. Queste fondamentali  testimonianze documentali mancano al momento, ma ci auguriamo in seguito di poter conoscere, introducendoci in modo più approfondito sulla lunga vita claustrale, ma anche sulla sua spiritualità e carisma,
Le consorelle, con amorevole dedizione, hanno saputo raccordare  testimonianze  le più varie tra coloro che ebbero la fortuna di  conoscere, ed a volte, con la discrezione necessaria, entrare in contatto con la forte personalità di madre Maria Elvira del SS. Sacramento. Pur nella sua essenziale brevità  ne viene fuori un raccordarsi di menti e di cuori che cantano all’unisono  le virtù elette di una claustrale, che vide in sogno  questo Carmelo sant’Anna sito nel medievale centro storico di Carpineto, e che volle fondare  con altre sue coraggiosissime consorelle sfidando le angustie e le problematiche che ne sortivano, aprendo in questa nostra terra lepina un solco tra cielo e terra.
Domenica di Pasqua, u.s. ho letto con trasporto e vero amore  le prime bozze che suor Noemi e suor Paola mi hanno affidato ed ho potuto assaporare in anteprima e confrontare le mie sporadiche frequentazioni (quasi sempre al termine della messa domenicale) con quelle di uomini e donne di tutti i ceti e di tutte le professioni, che instancabilmente  vanno cantando le virtù elette di una religiosa, che pur vissuta nell’oscurità, ha saputo riverberare la sua luce e le sue virtù certamente non nascoste sotto il moggio.
Traluce così quell’ eterno sorriso sulle labbra, che sapeva celare una indubbia tempra e forte personalità di indomita donna di comando, ma che andava di pari passo  con l’umiltà vera e la consapevolezza di  reggere un timone nel ministero che gli veniva affidato (credo comunque che il comando gli si confacesse quasi con una certa naturalezza)
Da sempre era “la madre superiora”. Ma era anche Lorenza Calenne, laureata e dedita al’insegnamento presso la Congregazione delle Suore Sacramentine, dove aveva sperimentato la sua iniziale vocazione prima di seguire nella contemplazione e nel misticismo più puro il sogno del profeta Elia.
Dopo le sue prime esperienze contemplative in diverse comunità, forse a ricordo delle sue prime esperienze educative  nella terra di papa Leone XIII, farà fiorire la bella chiesa dei santi Giovanni Battista ed Evangelista, dando fama imperitura a questo monastero carpinetano del monte Carmelo.
Una chiesa che lei , mi confidò un giorno, aveva visto solo in sogno e che lei trasformerà in una vera Tebaide. La storia di questa fondazione religiosa, che coincide  con parte notevole della  cronologia di madre Elvira, rimane incisa sul bronzo,come le porte della scultore Ambrosetti, da queste innumerevoli  testimonianze raccolte che di volta in volta ci fanno conoscere una claustrale contemplativa, ma aperta agli uomini Tutte le testimonianze vergate anche frettolosamente ma efficacissime concordano  nel cantare la sua forte tempra, il suo eterno sorriso, piccola parte del divino che sfocia nel misticismo. Conoscitrice del mondo come pochi si teneva aggiornata  su tutti gli eventi umani attraverso attente e quotidiane letture.

  Non ancora sono state aperte le innumerevoli agende dove lei si confidava con il divino, Un saggio: una antologia sulle preghiere che di volta in volta  scriveva ispirata.
Se queste prime  testimonianze ci fanno conoscere  la molteplice personalità di madre  Elvira del Santissimo Sacramento tante ancora ci riserveranno futuri auspicati approfondimenti  sulla infanzia, sulla duplice vocazione religiosa, sulla grande capacità di donna e fondatrice di un importante centro di spiritualità carmelitana che ha superato da  tempo gli angusti confini  territoriali.
 La prova: questa pur breve antologia che le sue consorelle hanno voluto  raccogliere come “sparte fronde” e affidare oltre che alla nostra memoria, soprattutto alla storia  civica e religiosa.
Questo mio pur breve scritto vuole solo augurare futuri organici lavori  di approfondimento sulla personalità di madre Elvira del Santissimo  Sacramento e soprattutto sulle sue virtù eroiche, qui appena sfiorate.
Ed allora sì che queste testimonianze ed  attestati di fede,  queste umane memorie  pur dettate dalla circostanza, si potranno inserire in una organicità che vada a  trasformarsi in una più complessa e più veridica agiografia.
Madre Elvira:“un fiore che germoglia tra le pietre”! Di questo ne siamo sicuri.
Ed allora potremo vedere aleggiare il suo spirito lieve come lo vidi per ‘ultima volta mentre risalivo le ripide scalette davanti alla chiesetta medievale di sant’Angelo. Richiamato dal coro pietoso delle donne del Rione Curso vidi suor Elvira biancovestita  su di una carrozzella sorretta da giovani  volenterosi; mi volsi  indietro:la riconobbi  appena e già pareva incamminarsi verso la gloria.
Ancora oggi nell’ascendere gli stessi  gradini, mi volgo indietro e mi sembra di scorgere verso l’alto una luce tutta angelica.

Italo Campagna
Direttore del museo civico di Carpineto
 Carpineto 20 aprile 2013


Il libro -pro manuscripto a cura delle Monache- è così strutturato:
- Italo Campagna, Presentazione
- Cenni biografici di Madre Elvira
- Omelia di Monsignor Lorenzo Loppa, vescovo diocesano durante i funerali
- Lettera di Quirino Briganti, sindaco di Carpineto
- Mario Palleri

- Testimonianze
- Testi di Madre Elvira
- Foto

Chi ne volesse copia, può scrivere al monastero o telefonare:

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
06 97189049

***